GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense
  RASSEGNA STAMPA
     
  Quotidiani, periodici, riviste  
       
  Atlante Bresciano Atlante Bresciano  
       
       
  BCCnotizie BCCnotizie  
       
       
  Bresciaoggi Bresciaoggi  
       
       
  Giornale di Brescia Giornale di Brescia  
       
       
  Gli speciali di Portobello Gli speciali di Portobello  
       
       
  Il Gazzettino Il Gazzettino  
       
       
  La Vita Monteclarense La Vita Monteclarense  
       
       
  L'Eco della Bassa Bresciana L'Eco della Bassa Bresciana  
       
       
  Montichiari Week Montichiari Week  
       
       
  Paese Mio Paese Mio  
       
     
  Pubblicazioni scientifiche  
       
  Brixia sacra Brixia sacra  
       
       
  Civiltà Bresciana Civiltà Bresciana  
       
       
  Notiziario - Soprintendenza Notiziario - Soprintendenza  
       
       
  Tesi di Laurea Tesi di Laurea  
       
     
  Bibliografia  
       
  Bibliografia Bibliografia  
       
 
 MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Galleria di mina nella Rocca medioevale Galleria di mina nella Rocca medioevale
L’intervento (anno 1997) Nell’ambito dello studio intrapreso sulle evidenze medioevali ...
 
       
  IL PAST
  PAST - Palazzo dell’archeologia e della storia del territorio
 
PAST
Museo
Palazzo dell’Archeologia
e della Storia
del Territorio
Comune di Montichiari
 
 
 

Rassegna stampa

Giornale di Brescia

 - Giornale di Brescia

 
Il monumento funebre di Montichiari
 
MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Ritrovamento monumento funerario di L. Gnatius Germanus - Vai alla scheda Ritrovamento monumento funerario di L.Gnatius Germanus  
       
 

Montichiari a Verona?


Il monumento funebre studiato dal Gam e la gens Poblilia

Confini e vita dell'età romana

MONTICHIARI - La Verona latina, quella dell' Arena, quella catulliana ricca di palazzi e di terme, estese la sua provincia fino a Montichiari? Il ritrovamento del monumento che Lucius Gnatius Germanus dedicò a se stesso, ben prima che Caronte gli apprestasse il solido legno per la traversata dei fiumi infernali, riapre la discussione sui confini territoriali in età romana, a sud est del Bresciano.
Tanto s'è scritto, nel passato, dei termini. Compresa l'ipotesi avanzata da Leon Hernann che, pur incardinando il villaggio di Andes, luogo natale di Virgilio, a ridosso di Mantova, attribuì al  poeta poderi monteclarensi. Errore storico? La centuriazione bresciana non avrebbe consentito la deduzione di terreni alla colonia, da distribuire ad elementi estranei - come sarebbe avvenuto in provincia di Mantova - ma sarebbe avvenuta all'interno dell'etnia  gallica che popolava la città e la campagna. Quindi niente Virgilio, che amaramente pianse con le lacrime dei contadini il peso insopportabile dell'esproprio. Le sue terre stavano più in là. Ma torniamo al nostro Lucius, un personaggio che si suppone di tutto rilievo, fosse solo per l'imponente tentativo di garantirsi l'immortalità con un blocco elegante di centoventi quintali e di tre metri d'altezza. Con sincopato modo di rappresentarsi in epigrafe, il monteclarense dichiarò con certezza l'appartenenza alla tribù Poblilia gruppo dominante nella città dell'Adige. E il giorno in cui invitò lo scalpellino a trasferire nomi, cifre ed abbreviazioni sul blocco di Botticino, in una prova generale della morte, ritenne importante che quell'indicazione rispetto alla tribù non cadesse. Stessa volontà in una lapide trovata in passato a Montichiari, dedicata a Marco Emilio, anch'esso appartenente allo stesso ceppo veronese.
Ma al di là del gioco del confine - che da queste parti, nella bassa bresciana, tra Montichiari e Calvisano risulta un piacevolissimo esercizio di retorica applicata alla storia - resta l'interessante ritrovamento avvenuto nell'area della Comazoo, scavo che spingerà gli archeologi del Gam ad investigare ulteriormente il sito, con la finalità di stabilire se su quell'area insistessero le lapidi, le pietre e i cocci di un cimitero latino. E poichè i campi consacrati venivano scavati a lato delle strade, i ricercatori avanzano già qualche ipotesi sulla possibilità di individuare la vecchia arteria in coincidenza col percorso della roggia santa Giovanna.
Ma come si presentava Montichiari all'epoca di Lucius Gnatius Germanus? La risposta viene direttamente dall'individuazione di alcune ville agricole e dalla testimonianza tarda, ma inequivocabilmente informata, di uno storico del tardo Cinquecento. Costui annotava che «li habitanti ne' scaduti secoli erano sparsi in diverse villette» situate sui minuscoli dossi che si perdevano sul ciglione del Chiese. Le ville, nella parte padronale, erano dotate d'impianto di riscaldamento - il pavimento innalzato dai cerchi ceramici delle suspensurae permetteva di far correre nell'intercapedine il flusso di fumo caldo prodotto nel focolare dell'ipocausti  e l'acqua corrente, con tutta probabilità, doveva essere ricavata da piccole prese collocate più a nord nel Chiese.

                                            M. Bernardelli Curuz


torna indietro
 
 
       
  Home | Gam | Contatti | Soprintendenza | Campi di scavo
Mappa siti archeologici | Età Archeologiche | News

GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense - Via XXV Aprile, 40 25018 - Montichiari (Bs)
Per contattarci clicca qui | Web credits | Copyrights | Mappa del sito
XHTML CSS