GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense
  RASSEGNA STAMPA
     
  Quotidiani, periodici, riviste  
       
  Atlante Bresciano Atlante Bresciano  
       
       
  BCCnotizie BCCnotizie  
       
       
  Bresciaoggi Bresciaoggi  
       
       
  Giornale di Brescia Giornale di Brescia  
       
       
  Gli speciali di Portobello Gli speciali di Portobello  
       
       
  Il Gazzettino Il Gazzettino  
       
       
  La Vita Monteclarense La Vita Monteclarense  
       
       
  L'Eco della Bassa Bresciana L'Eco della Bassa Bresciana  
       
       
  Montichiari Week Montichiari Week  
       
       
  Paese Mio Paese Mio  
       
     
  Pubblicazioni scientifiche  
       
  Brixia sacra Brixia sacra  
       
       
  Civiltà Bresciana Civiltà Bresciana  
       
       
  Notiziario - Soprintendenza Notiziario - Soprintendenza  
       
       
  Tesi di Laurea Tesi di Laurea  
       
     
  Bibliografia  
       
  Bibliografia Bibliografia  
       
 
 MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Rocca medioevale di Montichiari Rocca medioevale di Montichiari
L'analisi Archeologica della Soprintendenza della Lombardia L'esistenza di una fortificazione in Mo...
 
       
  IL PAST
  PAST - Palazzo dell’archeologia e della storia del territorio
 
PAST
Museo
Palazzo dell’Archeologia
e della Storia
del Territorio
Comune di Montichiari
 
 
 

Rassegna stampa

Giornale di Brescia

 - Giornale di Brescia

 
MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Necropoli longobarda Prato del Gioco - Vai alla scheda Necropoli longobarda Prato del Gioco  
       
 

Montichiari: scoperta tomba dei Longobardi


RINVENUTA DAL GRUPPO ARCHEOLOGICO

MONTICHIARI - Una nuova testimonianza della civiltà longobarda in terra bresciana si è aggiunta in queste settimane al già consistente patrimonio archeologico individuato in diverse località della nostra provincia. In località Prato del Gioco, nel comune di Calvisano, quasi sul confine con Montichiari, il Gruppo Archeologico Monteclarense ha recentemente scoperto una tomba alla cappuccina (così vengono denominate le sepolture con copertura a capanna), databile nella prima metà del VII secolo d.C. per gli elementi di corredo di tipo longobardo in essa rinvenuti.
In quell'epoca Brescia era uno dei più potenti ducati del regno Iongobardo che aveva a Pavia la sua capitale. La tomba è stata rinvenuta, su segnalazione di Luciano Gilli, sul fondo di un fosso, ubicazione questa che ha consentito la sua facile individuazione grazie anche alla cortese collaborazione dei proprietari dei siti interessati, dottor Favalli e signor Vitali. Essendo infatti collocata a 40-50 cm sotto il piano attuale del campo, si trova a un livello non intaccabile dalle operazioni di aratura, e quindi difficilmente individuabile in condizioni normali.
Lo scavo è stato condotto dal Gruppo Archeologico Monteclarense, che opera col patrocinio dell'assessorato alla cultura della Provincia, sotto la direzione della Soprintendenza Archeologica ed ha impegnato 13 volontari per una giornata di lavoro.
Orientata in direzione est-ovest, la tomba ha una misura di m 1,93 per 0,52 e una sagoma trapezoidale. Si tratta di una struttura interamente in laterizi costituita da un muretto perimetrale sul quale poggia la copertura dei (sesquipedales), grandi mattoni di un piede e mezzo di lunghezza. Il fondo della tomba è formato da quattro embrici interi.
All'interno sono stati trovati i resti del defunto accompagnati da alcuni oggetti: un pugnale in ferro, una fibbia e due puntali in bronzo appartenenti alla cintura di sospensione del pugnale stesso.
La tomba, per quanto non del tutto integra, appare come una struttura molto solida e ben compaginata, indice della cultura di un popolo come quello longobardo che, rapidamente affrancatosi dalla primitiva barbarie, ha espresso la sua civiltà nelle forme del monastero di S. Salvatore a Brescia. E sappiamo anche che proprio nell'epoca longobarda nel cuore della Bassa fu fondata l'abbazia di Leno, che ebbe grande importanza storica e religiosa.
C'è da presumere comunque che il territorio della Bassa tra Calvisano e Montichiari abbia in serbo altre interessanti sorprese sulla presenza longobarda. Già a Mezzane di Calvisano, ma anche, in particolare, in località Montechiaresa nel comune di Montichiari erano venute alla luce nel 1958 più di 20 tombe longobarde ad inumazione di cui diverse con corredo funerario. Inoltre una vastissima necropoli di alcune centinaia di tombe fu rinvenuta sul finire del secolo scorso a sud dell'abitato di Calvisano.
Diversi indizi fanno ben pensare sulla possibilità di aggiungere nuovi dati e nuove informazioni sulla storia dei Longobardi in terra bresciana che si sta lentamente iniziando a fare, tassello dopo tassello, da molti anni. Con la speranza che l'uso ormai invalso di procedere abusivamente al livellamento dei terreni per facilitare e rendere uniforme l'irrigazione dei campi coltivati con conseguente asporto e movimento di terra, non vada a compromettere o peggio a cancellare testimonianze del nostro passato ancora sconosciute.

Piergiorgio Chiarini


torna indietro
 
 
       
  Home | Gam | Contatti | Soprintendenza | Campi di scavo
Mappa siti archeologici | Età Archeologiche | News

GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense - Via XXV Aprile, 40 25018 - Montichiari (Bs)
Per contattarci clicca qui | Web credits | Copyrights | Mappa del sito
XHTML CSS