GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense
  RASSEGNA STAMPA
     
  Quotidiani, periodici, riviste  
       
  Atlante Bresciano Atlante Bresciano  
       
       
  BCCnotizie BCCnotizie  
       
       
  Bresciaoggi Bresciaoggi  
       
       
  Giornale di Brescia Giornale di Brescia  
       
       
  Gli speciali di Portobello Gli speciali di Portobello  
       
       
  Il Gazzettino Il Gazzettino  
       
       
  La Vita Monteclarense La Vita Monteclarense  
       
       
  L'Eco della Bassa Bresciana L'Eco della Bassa Bresciana  
       
       
  Montichiari Week Montichiari Week  
       
       
  Paese Mio Paese Mio  
       
     
  Pubblicazioni scientifiche  
       
  Brixia sacra Brixia sacra  
       
       
  Civiltà Bresciana Civiltà Bresciana  
       
       
  Notiziario - Soprintendenza Notiziario - Soprintendenza  
       
       
  Tesi di Laurea Tesi di Laurea  
       
     
  Bibliografia  
       
  Bibliografia Bibliografia  
       
 
 MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Galleria di mina nella Rocca medioevale Galleria di mina nella Rocca medioevale
L’intervento (anno 1997) Nell’ambito dello studio intrapreso sulle evidenze medioevali ...
 
       
  IL PAST
  PAST - Palazzo dell’archeologia e della storia del territorio
 
PAST
Museo
Palazzo dell’Archeologia
e della Storia
del Territorio
Comune di Montichiari
 
 
 

Rassegna stampa

Giornale di Brescia

 - Giornale di Brescia

 
I resti dell'edificio rurale romano scoperto a Montichiari
 
MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Villa rurale romana di c.na Guglia
 - Vai alla scheda Villa rurale romana di c.na Guglia  
       
 

Villa romana a Montichiari


Importante scoperta del Gruppo archeologico locale

Gli scavi rivelano resti di edificio rurale

MONTICHIARI - Nei giorni scorsi nelle campagne tra Montichiari e Castiglione il Gruppo archeologico monteclarense, dopo una serie di accurati scavi, ha individuato i resti di un edificio rurale di epoca romana databile attorno al I-IV secolo dopo Cristo.
Il ritrovamento di pavimentazioni ipocauste in coccio pesto, tra l'altro ottimamente conservate, induce ad ipotizzare con plausibilità che ci si trovi di fronte ad un complesso abitativo di tipo signorile, fatto insolito, se non eccezionale, per queste zone rurali.
I pavimenti ipocausti infatti erano utilizzati per un complesso sistema di riscaldamento diffuso in prevalenza in siti urbani.
 Al di sopra dello strato in coccio pesto, sorretti da «sospensure» o pilastrini (evidenti in fotografia), venivano composti mosaici e nell'intercapedine così formata era d'uso insufflare aria calda, proveniente da un forno centrale, la quale a sua volta si disperdeva lungo le pareti passando all'interno di tegole «hamate» concave in laterizio.
Il ritrovamento di frammenti di queste e di cubetti in pietra per mosaico confermano pienamente le congetture formulate. In base alla dispersione dei materiali da costruzione rilevati l'edificio potrebbe raggiungere i diecimila metri quadrati e non è da escludere che possa riservare ulteriori sorprese.
È ormai dal 1989 che il Gruppo archeologico monteclarense, attualmente forte di quasi cinquanta soci, effettua ricerche sistematiche nella zona della Bassa; sebbene nell'ambito del volontariato opera come associazione culturale riconosciuta dalla Regione Lombardia ed in stretta collabrazione con il nucleo operativo di Brescia della soprintendenza regionale ai beni archeologici.
Negli ultimi mesi, grazie all'impiego di strumenti informatici il Gruppo ha portato a termine un importante riordino delle ricerche svolte il cui frutto consiste nel dettagliato archivio elettronico di tutti i siti archeologici finora individuati.
Per il prossimo anno i volontari del Gruppo auspicano la possibilità di allestire una sala museale aperta al pubblico nella quale esporre fotografie, note illustrative ed eventuali esposizioni temporanee. La campagna monteclarense da un punto di vista archeologico è una vera e propria miniera: valorizzare l'opera di chi la tutela con passione potrebbe essere una iniziativa non da poco, soprattutto per i numerosi studenti della zona.
Naturalmente, l'iniziativa avrebbe maggiori probabilità di successo se anche gli enti locali contribuissero in qualche misura non solo a sostenere gli sforzi dei volontari ma a far conoscere il lavoro che ha rilievo culturale e costituisce un motivo di prestigio.

Emanuele Verzotti


torna indietro
 
 
       
  Home | Gam | Contatti | Soprintendenza | Campi di scavo
Mappa siti archeologici | Età Archeologiche | News

GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense - Via XXV Aprile, 40 25018 - Montichiari (Bs)
Per contattarci clicca qui | Web credits | Copyrights | Mappa del sito
XHTML CSS