GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense
  RASSEGNA STAMPA
     
  Quotidiani, periodici, riviste  
       
  Atlante Bresciano Atlante Bresciano  
       
       
  BCCnotizie BCCnotizie  
       
       
  Bresciaoggi Bresciaoggi  
       
       
  Giornale di Brescia Giornale di Brescia  
       
       
  Gli speciali di Portobello Gli speciali di Portobello  
       
       
  Il Gazzettino Il Gazzettino  
       
       
  La Vita Monteclarense La Vita Monteclarense  
       
       
  L'Eco della Bassa Bresciana L'Eco della Bassa Bresciana  
       
       
  Montichiari Week Montichiari Week  
       
       
  Paese Mio Paese Mio  
       
     
  Pubblicazioni scientifiche  
       
  Brixia sacra Brixia sacra  
       
       
  Civiltà Bresciana Civiltà Bresciana  
       
       
  Notiziario - Soprintendenza Notiziario - Soprintendenza  
       
       
  Tesi di Laurea Tesi di Laurea  
       
     
  Bibliografia  
       
  Bibliografia Bibliografia  
       
 
 MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Rocca medioevale di Montichiari Rocca medioevale di Montichiari
L'analisi Archeologica della Soprintendenza della Lombardia L'esistenza di una fortificazione in Mo...
 
       
  IL PAST
  PAST - Palazzo dell’archeologia e della storia del territorio
 
PAST
Museo
Palazzo dell’Archeologia
e della Storia
del Territorio
Comune di Montichiari
 
 
 

Rassegna stampa

La Vita Monteclarense

 - La Vita Monteclarense

 
vista in sezione e in pianta degli scavi lungo la parete sud della pieve di S.Pancrazio
 
MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Area sepolcrale pieve di S. Pancrazio - Vai alla scheda Area sepolcrale pieve di S. Pancrazio  
       
 

I risultati dello scavo del gruppo archeologico monteclarense


S. Pancrazio, una pieve "senza precedenti"

È ormai certo che nel XII secolo, quando i nostri antenati posero mano alla realizzazione del progetto della nuova pieve, scelsero sì una posizione dominante, ma anche un'area vergine dove nulla era stato edificato in precedenza.
Dall'indagine archeologica effettuata non è emersa alcuna traccia evidente di frequentazione del sito anteriore al XII secolo.
Le testimonianze di epoca Romana inglobate nella struttura dell'edificio sono state certamente recuperate ai piedi del colle, dove numerose erano le rovine di ville patrizie con mosaici e vicine le rispettive necropoli. 
La linea di facciavista (vedi fig. 1), messa in evidenza dallo scavo dell'area sud, punto di collegamento fra le fondamenta e la parte che si innalza dell'edificio, ci testimonia infatti l'andamento gradualmente degradante dell'assetto originario dell'area esterna; qui poi vengono successivamente ricavate, scavando nello sterile morenico, le gradonate dove sono adagiati i sepolcri. La ricerca dei resti di un edificio precedente deve essere quindi indirizzata altrove.

Chiarini Paolo
Presidente GAM

-------------------------------------------------

I lavori di sistemazione del cortile adiacente il lato S della pieve romanica, nel quale un sondaggio eseguito presso l'angolo SW nel 1986 e uno scavo non autorizzato condotto poco più a E l'anno successivo avevano già individuato 6 sepolture, hanno offerto occasione di completare l'indagine del settore meridionale del cimitero medievale che da vari indizi si intuisce esteso tutt'attorno alla chiesa.
L'intervento che ha interessato una superficie di 2000 mq. ha messo in luce altre 17 sepolture concentrate in un'area di poco più di 100 mq. in prossimità dell'ingresso laterale della pieve.
Delle 21 tombe complessivamente scavate (le due individuate dal sondaggio del 1986 sono state tralasciate perché difficilmente accessibili) soltanto 6 erano integre (tt: 8,9, 12,15,18, 20) le rimanenti apparivano variamente manomesse specie nella copertura dalle fondazioni di edifici postmedievali (muri 101, 103, 105) e da altre asportazioni.   Tutte le sepolture salvo una (t. 21) erano orientate EW ed erano irregolarmente allineate in file perpendicolari al fianco della chiesa, disposte su sei gradoni artificialmente intagliati nel pendio declinante a W.
Nonostante il fitto concentramento, quasi tutte le tombe erano infatti a diretto contatto, si avevano soltanto due casi di intersezione (tt. 5 - 6 e 21) il che fa supporre la presenza di segnacoli distintivi di superficie.
 Sono stati riconosciuti tre tipi di strutture tombali:

1) cassa in muratura con loculo rettangolare e copertura piana (tt. 1-9, 19-21); 
2) fossa rivestita di ciottoli (t.10); 
3) fossa in nuda terra (t.11).

Le tombe del tipo 1 che avevano tutte fondo in nuda terra, erano ulteriormente distinguibili per la varietà degli elementi costituenti i muri perimetrali: soli ciottoli  (4 tombe),ciottoli e solo bozze medolo (8 tombe), solo bozze di medolo (7 tombe).   Le coperture, solo 9 delle quali erano conservate, impiegavano in 7 casi macine in granitello viola intere o resecate e lastre di medolo , in due casi solo lastre.   Fra i diversi tipi di murature e coperture non sono state riscontrate associazioni ricorrenti, né pare che la varietà dei materiali trovi una qualche rispondenza nella sequenza stratigrafica delle sepolture che peraltro rimane ampiamente lacunosa. 
Solo nel settore W dello scavo è stato possibile infatti ricostruire una successione di una certa entità: alle tombe in fossa terragna 10 e 11 succedono in serie le tt. 4, 5, 6 tagliate dalla t. 21 il cui carattere privilegiato è chiaramente dimostrato oltre che  dall'indifferenza per le sepolture precedenti e dall’anomalo orientamento NS anche dalla precisa corrispondenza con l’ingresso della chiesa .
A questa tomba si addossano le tt 3 e 2 che insieme alla t. 1 paiono essere le sepolture piu’ tarde di questa parte del cimitero .   Ben poco c’e’ da dire delle inumazioni in gran parte sconvolte se non che nelle tt. 4 e 8 sono stati rinvenuti i resti di 6 e 4 deposizioni .
Non sembra infine si possa avanzare alcun dubbio sulla  cronologia bassomedievale delle sepolture che sono tutte stratigraficamente posteriori alla costruzione della pieve romanica la cui piu’ antica attestazione risale all’ anno 1172.

Dott. Andrea Breda
 
Assistente alla Sovrintendenza Archeologica

Lo scavo è stato eseguito dal Gruppo Archeologico Monteclarense nell'autunno 1989. 


torna indietro
 
 
       
  Home | Gam | Contatti | Soprintendenza | Campi di scavo
Mappa siti archeologici | Età Archeologiche | News

GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense - Via XXV Aprile, 40 25018 - Montichiari (Bs)
Per contattarci clicca qui | Web credits | Copyrights | Mappa del sito
XHTML CSS