GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense
  RASSEGNA STAMPA
     
  Quotidiani, periodici, riviste  
       
  Atlante Bresciano Atlante Bresciano  
       
       
  BCCnotizie BCCnotizie  
       
       
  Bresciaoggi Bresciaoggi  
       
       
  Giornale di Brescia Giornale di Brescia  
       
       
  Gli speciali di Portobello Gli speciali di Portobello  
       
       
  Il Gazzettino Il Gazzettino  
       
       
  La Vita Monteclarense La Vita Monteclarense  
       
       
  L'Eco della Bassa Bresciana L'Eco della Bassa Bresciana  
       
       
  Montichiari Week Montichiari Week  
       
       
  Paese Mio Paese Mio  
       
     
  Pubblicazioni scientifiche  
       
  Brixia sacra Brixia sacra  
       
       
  Civiltà Bresciana Civiltà Bresciana  
       
       
  Notiziario - Soprintendenza Notiziario - Soprintendenza  
       
       
  Tesi di Laurea Tesi di Laurea  
       
     
  Bibliografia  
       
  Bibliografia Bibliografia  
       
 
 MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Rocca medioevale di Montichiari Rocca medioevale di Montichiari
L'analisi Archeologica della Soprintendenza della Lombardia L'esistenza di una fortificazione in Mo...
 
       
  IL PAST
  PAST - Palazzo dell’archeologia e della storia del territorio
 
PAST
Museo
Palazzo dell’Archeologia
e della Storia
del Territorio
Comune di Montichiari
 
 
 

Rassegna stampa

Bresciaoggi

 - Bresciaoggi

 
L'ingresso del palazzo dell'archeologia di Montichiari
14/05/2011

Cinque reperti di epoca celtica trovano "casa" nel Palazzo


MONTICHIARI. Gli antichi oggetti sono stati recentemente donati al Gruppo Archeologico che gestisce il «Past».
Si tratta di due brocche, un 'olletta, una lama e una fibula Il sindaco: «Ora aspettiamo il riconoscimento di museo».

Si arrichisce di nuovi recuperi l'archivio degli antichi oggetti che costituiscono la storia di Montichiari, molti dei quali, soprattutto Longobardi, sono esposti nel Palazzo dell'Archeologia (Past) che si trova all'ingresso della salita in Castello, partendo da piazza Santa Maria. Recentemente infatti il Gruppo Archeologico Monteclarense (Gam), che gestisce il Past, ha ricevuto in donazione 5 reperti archeologici d'eccezione, di epoca celtica (V-VI secolo a.C.). Si tratta di pezzi ritrovati anni fa sul nostro territorio in tre occasioni separate e che i rispettivi possessori hanno voluto donare al Gam con la condizione che siano esposti nel Past, luogo ritenuto più adatto ed accessibile al pubblico interessato alla storia monteclarense.
I nuovi reperti sono stati presentati lo scorso 28 aprile in municipio alla presenza del sindaco Elena Zanola, del funzionario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia, Andrea Breda, e del presidente del Gam Paolo Chiarini. «La particolarità di questo ritrovamento - ha spiegato Andrea Breda - sta anche nel fatto che i cinque reperti di cui si parla (quattro in bronzo e uno in ferro) sono cronologicamente tutti riferibili al periodo dell'occupazione celtica, e nello specifico cenomane, a partire dal seconda metà del V secolo a.C. In quell'epoca erano in voga scambi commerciali con il popolo etrusco, fino alla seconda metà del I secolo a.C., che si concluse con la definitiva romanizzazione delle popolazioni cispadane».
SONO TRE le donazioni. La prima, comprendente due reperti, è avvenuta in forma anonima ed è stata accompagnata da un biglietto recante la scritta «ritrovati alcuni anni fa in un campo a Montichiari». Comprende una brocca in bronzo a becco d'anatra, priva del manico, o Schnabelkanne di origine etrusca (seconda metà del V secolo a.C.) e una brocca in bronzo con bocca trilobata (prima metà del III secolo a.C.). Anche la seconda donazione comprende due reperti: un'olletta in bronzo priva del manico (seconda metà del I secolo a.C.) ed una lama in ferro di coltellaccio con ribattini nella parte dell'immanicatura (II secolo a.C.). I reperti sono venuti alla luce nel corso di sondaggi pre-livellatori in un campo a Calvisano e poco distante dal confine con Montichiari. La donazione è stata effettuata dal proprietario dell'impresa escavatrice. La terza donazione, infine, consiste in una fibula in bronzo con decorazione a globuli (300-250 a.C.). E' stata rinvenuta molti anni fa in riva al fiume Chiese, al confine nord del comune di Montichiari, da un appassionato di archeologia.
«Il ritrovamento dei 5 nuovi reperti celtici, effettuato a cura del Gam, costituisce un ulteriore tassello del variopinto puzzle archeologico della nostra città - ha dichiarato il sindaco Elena Zanola - siamo ora in attesa del riconoscimento di museo proprio per il Past: l'iter burocratico è a buon punto e la Regione sta vagliando la richiesta. Se tutto andrà in porto, daremo un ulteriore slancio di prestigio al mondo culturale cittadino che in questi anni, tra ristrutturazione di vecchi edifici, donazioni prestigiose, creazione di nuovi poli e nascita del sistema museale di Montichiari Musei, ha consentito alla nostra città di primeggiare a livello nazionale».

Francesco Di Chiara


torna indietro
 
 
       
  Home | Gam | Contatti | Soprintendenza | Campi di scavo
Mappa siti archeologici | Età Archeologiche | News

GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense - Via XXV Aprile, 40 25018 - Montichiari (Bs)
Per contattarci clicca qui | Web credits | Copyrights | Mappa del sito
XHTML CSS